cahier-scrittura-terapeutica

Corso di scrittura

Scrivere è sempre un’attività terapeutica. Che sia un libro, una poesia, una mail, un progetto. Pensateci. Rivolgere lo sguardo dentro di sé per trovare la frase che comunica davvero quello che volete dire, implica aprire un dialogo con se stessi, interrogarsi, scavare in profondità per catturare le parole, proprio quelle, che danno corpo ai pensieri. Dopo ci sentiamo alleggeriti, come aver portato fuori un fardello che stava dentro, sul cuore o in testa, qualcosa che forse neanche sapevamo di avere.

Io scrivo da tanti anni, e perfino quando devo raccontare un fatto preciso o un’intervista, mi metto davanti al computer con la curiosità di sapere “cosa mai tirerò fuori questa volta”. Come inizierò, come descriverò quella persona, come metterò in fila gli appunti che ho in testa o sul taccuino. Ogni volta è un parto, ma anche una scoperta. Ed è sempre un esercizio di rivelazione a me stessa, prima che agli altri.

Immaginate che viaggio può essere, dunque, raccontare uno stato d’animo, la nostra storia, i dolori, le gioie, gli amori, ma anche i sogni e le fantasie nascoste. E quanto può essere terapeutico trasferirsi dentro se stessi per dare un nome alle emozioni che ci tormentano o ci sovrastano. 

cahier-scrittura-terapeutica

D’altronde non è una novità, da secoli la scrittura viene usata come forma di terapia. Quanti filosofi, poeti e scrittori si sono curati scrivendo. Proust, per citarne uno per tutti, era divorato dalle angosce.

Si salvò chiudendosi in camera al buio e intingendo la penna nei propri ricordi. Fu così che trovò uno scopo, oltre che parole sublimi.

Ma quale autore non vi direbbe che scrivere gli ha fatto bene, che lo ha aiutato a elaborare i suoi tormenti? E quanti di noi, negli anni inquieti dell’adolescenza o della crescita, hanno sentito il bisogno di dare un posto alle emozioni con il diario?

Ha scritto Natalie Goldberg, autrice di uno storico manuale di  scrittura:

“A volte scrivo cose così tristi, che gli altri leggono come tristi, ma per me sono gioia perché dopo averle catturate e scritte ho provato una sensazione di gioia”. 

Oggi anche la scienza ne spiega le ragioni. Studi medici e psicologici dimostrano che le parole attivano gli stessi meccanismi neuronali dei farmaci e del placebo: come il sangue donano, macchiano, dissanguano e purificano. E hanno un effetto positivo sull’ansia, sul tono dell’umore, sulle somatizzazioni, sul sistema immunitario. 

Se abbiamo vissuto un periodo difficile, un dolore, una malattia, un trauma, possiamo sentirci intrappolati in quella zona di inesistenza che ci fa sentire fuori dal percorso vitale che riconoscevamo come nostro. Ci sentiamo interrotti. Ecco, la parola scritta è l’ago con cui si ricuce il proprio abito, e l’ago, come la penna, scava e cuce riportandoci dentro la nostra biografia.

Ha scritto William Shakespeare:

“Dai parole al dolore; il dolore che non parla, sussurra al cuore oppresso e gli ordina di spezzarsi”

State pensando che non sapete scrivere? Che non l’avete mai fatto e non sapreste da che parte cominciare? Errore.

Posso dimostrarvi che a scrivere si impara scrivendo. E che ognuno di noi, ognuno di voi, può provare il sollievo e il piacere di mettere nero su bianco quello che confusamente ci abita.  

Da alcuni anni propongo e realizzo laboratori di scrittura terapeutica, l’ultimo di questi in collaborazione con la Scuola Fenysia di Firenze. E questi percorsi hanno sempre confermato che ognuno di noi può provare il grande piacere di mettere nero su bianco quello che confusamente ci abita. 

Bastano alcuni accorgimenti, alcune regole.

Primo: lasciar uscire i primi pensieri che arrivano, tenendo fuori dalla porta il censore interno. Dopo qualche respiro e magari anche qualche esercizio di rilassamento, sgorga sempre qualche nuovo pensiero. Spesso è da lì che dobbiamo attingere. E vedrete, sarà un’avventura di cui non potrete più fare a meno. 

Posso essere il vostro coach per allenarvi a scrivere, non solo con l’obiettivo di elaborare sentimenti o traumi ma anche solo per il piacere di farlo o per motivi di lavoro/professionali.

corso di scrittura terapeutica

Se avete domande o volete informazioni sui corsi di scrittura (anche individuali), lasciatemi un messaggio nel form qui sotto.

Vi risponderò personalmente!